Call for papers - scadenza: 20 ottobre 2022

La rivista internazionale Visioni LatinoAmericane (Edizioni Università di Trieste) invita a inviare lavori originali e inediti che propongano una riflessione critica e argomentata su L'America Latina tra emergenze socio-ambientali, sanitarie e conflitti. Rischi, scelte strategiche e geopolitiche, ricadute socio-economiche, penuria di materie prime e alimentari. Realtà e prospettive.

Da più parti si sostiene che il mondo non sarà più come eravamo abituati a vederlo. Conflitti, disastri eco-ambientali provocati dall'uomo e dagli attuali modelli di sviluppo (neoliberista, sovranista, oligarchico, comunista, etc.), disinteresse per la partecipazione alla gestione della res publica, lasciano crescente e inarrestabile spazio a lobbies di potere (economico, affaristico, politico, religioso, tecnologico, della comunicazione/informazione, etc.) che mettono in crisi la fiducia nella democrazia e nelle sue stesse istituzioni. Una sfiducia aggravata da crescenti problemi che, anziché favorire una redistribuzione equa ed ecosostenibile delle risorse (sempre più limitate) della Terra, portano a ricchezze sempre più ingenti concentrate, in un crescendo inarrestabile, nelle mani di pochi e ad un aumento esponenziale delle disuguaglianze socio-economiche e delle opportunità di accesso ai servizi educativi e socio-sanitari tanto nei Paesi cosiddetti sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Ricchezze il più delle volte accumulate da processi di finanziarizzazione dell'economia, da speculazioni, da sfruttamento, da nuove tecnologie che non liberano il lavoro ma lo alienano, da una globalizzazione economico-produttiva, ora in crisi, a cui non corrisponde una globalizzazione dei diritti della persona, del lavoro, del benessere, del welfare state.

In un tale scenario caratterizzato da fluidità/liquidità e repentini cambiamenti, la politica sembra incapace di dare risposte adeguate o rincorre, come avviene in alcuni Paesi, crescenti restrizioni democratiche, politiche sovraniste/securitarie, alimentate da movimenti apparentemente anticorruzione, creando/utilizzando ambiguità e confusioni tra dettami religiosi e (in)giustizie sociali, tra religione e politica. Un esempio è forse rappresentato dalle chiese apostoliche, pentecostali e evangeliche anche come mainmise della visione nordamericana sulle società latinoamericane?

La democrazia, con le sue istituzioni formali scarsamente ravvivate dalla partecipazione dei cittadini, è infiacchita e per lo più rincorre i sondaggi di opinione. Non sa individuare progettualità e strategie che abbiano al centro il bene comune, la persona, il proprio e l'altrui benessere. Molto spesso presidenti eletti, in Africa come in Europa, nelle Americhe o in Asia, si trasformano in tiranni e/o autocrati.

Quali riflessioni e risposte si possono offrire anche con l'ausilio delle scienze esatte, naturali, sociali e umane? Quale contributo può proporre l'America Latina a partire dalla sua presenza nelle istituzioni di cooperazione regionale, internazionale e intergovernativa?

Sono ben accetti anche saggi su tematiche libere.

Il testo da proporre va redatto seguendo scrupolosamente le regole editoriali (Per gli autori) riportate sul sito della rivista (www.visionilatinoamericane.com/it; www.openstarts.units.it/handle/10077/4947). Come gabbia editoriale del saggio utilizzare il template (vl-template.docx). Consultare la policy della rivista (Progetto e politiche).

Tutti gli articoli, che l'autore dichiara essere originali e inediti inviando la liberatoria, saranno sottoposti a controllo antiplagio e ad una double-blind international peer review.

Lingue: spagnolo, portoghese, inglese e italiano.

La data di consegna degli articoli, tra le 6.000 e le 7.000 parole, è il 20 ottobre 2022, in formato Word (Corpo 12). Vanno incluse una sintesi, di non più di 50 parole, in italiano, inglese e spagnolo, e 5 parole chiave in italiano, inglese e spagnolo. Il saggio va inviato all'indirizzo: info [at] visionilatinoamericane.com.
 

Visioni LatinoAmericane ospita lavori originali e inediti che pongano attenzione alle scienze sociali e umane, con particolare riferimento alla sociologia, all'antropologia, all'educazione, alle politiche sociali e al social work. Adotta una prospettiva interdisciplinare e transdisciplinare nello studio dell'America Latina e dei Caraibi nei loro rapporti con l'Europa (e con l'Italia in particolare) e il resto del mondo. La rivista, come esplicitato nella propria dichiarazione di etica editoriale, contrasta e condanna ogni azione di plagio, falsificazione e fabbricazione di dati, ponendo la massima attenzione alla verifica dell'originalità, tramite l'uso del software Turnetin, e della qualità scientifica degli articoli previo referaggio internazionale doppio cieco. La responsabilità di quanto scritto resta comunque all'autore ferma restando la piena e pronta disponibilità della Rivista e dell'Editore, qualora ne vengano a conoscenza, a rettificare quanto erroneamente pubblicato Visioni LatinoAmericane è una rivista semestrale edita da Eut - Edizioni dell'Università di Trieste (Italia). Partecipa alle iniziative del Consiglio europeo per la ricerca sociale in America Latina (Ceisal), del Consiglio latinoamericano delle scienze sociali (Clacso) e di Latindex. È una pubblicazione internazionale ad accesso aperto e interdisciplinare con international peer review a doppio cieco.


peer review journalPeer reviewed journal Indicizzata in: Catalogo italiano dei periodici (Acnp), European reference index for the humanities and the social sciences (ErihPlus), Latindex, Red europea de información y documentación sobre América Latina (Redial), The European Union - Latin America and Caribbean Foundation (Eu-Lac Foundation).
Rivista scientifica
Issn 2035-6633 | Direttore: Francesco Lazzari
Fondata nel 2009
Editore: Eut Edizioni Università di Trieste